la nostra storia

C.B.R. Ceccato

  • Il fondatore

    Nel secondo dopoguerra, Felice Ceccato ed i suoi due figli Bruno e Romeo, mastri fabbri, da sempre presenti nel mondo dell’agricoltura, decisero di fondare una piccola azienda di costruzione e riparazione di macchine agricole.
    Nacque così la ditta “Ceccato Bruno & Romeo”, una delle prime nel paese di Arsego.

  • i primi consensi

    Nel corso degli anni, i due fratelli dedicarono la loro attenzione alla costruzione di ranghinatori e girelli spandivoltafieno, molini molitori e pigiatrici. Parteciparono da subito alle fiere locali come l’antica fiera di Arsego*, famosa fiera agricola e di bestiame, alla quale si affiancarono altre manifestazioni come le  fiere di Padova e Verona, ed in breve le loro macchine riscossero consensi e premi.

  • le nuove generazioni

    Renato e Renzo, i figli di Bruno Ceccato, iniziarono a lavorare nella ditta del padre e dello zio.
    Nel 1979 presero in mano l’azienda, di cui sono ancor oggi i proprietari, e ne variarono il nome nell’attuale ragione sociale “C.B.R. di Ceccato Renato e Renzo”, dove la sigla C.B.R., che sta a significare Ceccato Bruno e Romeo, vuole essere appunto un omaggio ai fondatori.

  • la specializzazione

    Forti di una grande esperienza, nel corso degli anni C.B.R. di Ceccato Renato e Renzo si è specializzata nella costruzione di macchine dedicate alle piccole e medie aziende agricole. Dispone di una ampia gamma di girelli voltafieno, giroandanatori e molini frangitutto progettati e costruiti interamente in Italia nel rispetto delle attuali normative in materia di sicurezza.

  • LA CONTINUITA'

    2020, Felice, figlio di Renato Ceccato, già da anni presente in Azienda, si appresta ora ad assumere un ruolo manageriale, a garanzia di continuità del marchio C.B.R.

    Una fabbrica a tradizione familiare, da sempre fatta di persone che col loro lavoro offrono prodotti e soluzioni ai bisogni degli agricoltori.

* La fiera di Arsego venne concessa il 23 agosto 1747 dal doge Grimani e da allora si svolge con cadenza annuale la terza domenica del mese di ottobre ed il successivo lunedì. Nata come fiera agricola, particolarmente del bestiame, si è sempre più sviluppata nel settore merceologico ed espositivo ed è ancor oggi una delle fiere più importanti del Veneto.